Naoki Yoshida affronta lo stato attuale della congestione del server di Final Fantasy XIV

Se hai seguito la sfera MMO nell’ultimo mese, saprai che molti giocatori non sono contenti dello stato attuale di World of Warcraft, al punto che molti stanno passando ad altri giochi come Final Fantasy XIV, che si tratti esclusivamente o semplicemente di immergersi. Anche nomi colossali come Asmongold, Rich W Campbell, wetcr1tikal e summit1g (solo per citarne alcuni) sono alcuni dei nomi più grandi che hanno iniziato a trasmettere il gioco di recente a decine di migliaia di visualizzazioni, qualcosa che la directory Twitch di FFXIV non ha mai visto.

Con loro è arrivato il loro pubblico e un’enorme ondata di giocatori nell’ultimo mese, tassando i server e causando congestione al punto di tempi di coda che non avevamo visto dal lancio di un’espansione. Ovviamente, non sono gli unici responsabili dell’aumento dei germogli poiché l’hype per Endwalker è aumentato negli ultimi mesi, ma hanno sicuramente contribuito in modo massiccio.

A causa di queste preoccupazioni, Naoki Yoshi ha scritto una lettera ai fan descrivendo in dettaglio alcuni dei cambiamenti e delle sfide in vista di questo afflusso di giocatori.

Sul front-end, Square Enix ha reso tutti i mondi “Standard”, rimuovendo tutti i “Mondi preferiti” nel processo, il che normalmente darebbe ai nuovi giocatori fino a un certo livello notevolmente più esperienza. Spiegano che, invece di creare “mondi congestionati” come in passato, impedirebbe ai giocatori di creare veramente personaggi su server specifici, incanalandoli infine in altri.

Inoltre, per combattere la congestione, Square Enix ha messo in atto un timer di 30 minuti che disconnetterà i giocatori AFK. Lo hanno già fatto durante il lancio di espansioni e altri eventi, ma ci sono modi per aggirare questo se sei una persona a cui piace ballare a Limsa per 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Hanno alzato il limite di quanti giocatori possono giocare in un dato momento, aumentando il conteggio massimo di 750 per server in Nord America, con piani in futuro per espanderlo per i server europei.

Loading...

Stanno cercando di rivalutare il modo in cui implementeranno nuovi data center (in particolare quello oceanico annunciato non molto tempo fa) dopo la 6.0 e l’entrata nella 7.0, anche se Yoshida-san ha affermato che l’insufficiente spazio di archiviazione dei semiconduttori fornito da COVID-19 prolungati alcuni dei loro piani e le restrizioni di viaggio hanno ovviamente impedito loro di visitare fisicamente queste sedi dei data center per la gestione.

Loading...