MechWarrior 5: Mercenaries – Recensione di Heroes of the Inner Sphere

MechWarrior 5: Mercenari ha avuto un lancio un po’ tumultuoso nel dicembre del 2019. Sebbene alcuni critici lo abbiano adorato, come me, i vari fallimenti del gioco hanno fatto ben poco per placare le preoccupazioni di una base di fan già scettica. Dall’IA traballante, dalla logica di spawn problematica, dalla storia poco brillante e dai problemi di prestazioni complessive, è difficile criticare la comunità di MechWarrior per aver adottato a malincuore MechWarrior 5.

Avanti veloce di oltre un anno e mezzo dopo fino ad oggi. Dopo un ritardo iniziale per un’ulteriore rifinitura e per togliersi di mezzo Cyberpunk 2077 di CD .jekt, è uscito il primo DLC per MechWarrior 5: Mercenaries: Heroes of the Inner Sphere. Se vuoi la valutazione standard, beh, mi ha sicuramente motivato a riflettere sulla mia recensione iniziale.

Per essere schietto: ho chiaramente segnato MechWarrior 5 troppo alto al momento del lancio (anche se solo di mezza stella o giù di lì), perché Heroes of the Inner Sphere è esattamente il modo in cui il gigantesco simulatore di calpestamento e thrashing del robot avrebbe dovuto schierarsi.

L’aggiornamento MechWarrior 5: Mercenaries – Heroes of the Inner Sphere avvantaggia tutti i piloti.

Prima ancora di entrare in ciò che Heroes of the Inner Sphere aggiunge al gioco, voglio affrontare ciò che la patch di accompagnamento ha risolto, poiché le modifiche riguardano sia il DLC che il gioco base. Innanzitutto, l’intera economia è stata riequilibrata in meglio. In MechWarrior 5: Mercenaries, i giocatori girano per la Sfera Interna facendo lavoretti per raccogliere C-Bills, recupero e reputazione. Mentre il rappresentante era una ricompensa fissa, i C-Bills e le quote di recupero guadagnate in una missione potevano essere aumentate tramite i punti di negoziazione. Più alta è la tua reputazione con una fazione, più punti avevi per aumentare il tuo potenziale pagamento e bottino.

L’equilibrio era un po’ fuori, però. Vedi, potresti anche negoziare un risarcimento assicurativo che copra i danni di BattleMech, ma costerebbe un numero immenso di punti per assorbire i pesanti costi legati ai mech più pesanti. Questo, e l’assegnazione iniziale dei punti disponibili era scarsa all’inizio del gioco. Ciò ha reso difficile per i giocatori fare scorta di armi e mech all’inizio, e alla fine del gioco ha portato i giocatori a dover dare la priorità all’assicurazione su tutto il resto.

Per fortuna, i Piranha hanno aumentato non solo il numero di punti reputazione guadagnati tramite l’aumento della reputazione di fazione, ma hanno anche aumentato la quantità di danni per ogni pip di negoziazione nelle coperture assicurative. Questo, insieme alle radicali modifiche apportate ai negozi in-game e all’economia, consente ai giocatori di optare più liberamente per maggiori quote di salvataggio e un giorno di paga maggiore senza preoccuparsi se possono riparare e rifornire i loro BattleMech o meno.

Il secondo sostanziale cambiamento della qualità della vita nella patch di Heroes of the Inner Sphere ha finalmente fatto sì che i nemici non si generassero più (o almeno raramente) direttamente sul tuo culo. In precedenza, i veicoli e i mech nemici si generavano dal nulla sul tuo fianco. Naturalmente, questo significava un aumento dei danni e costi di riparazione più elevati (che confluivano nel problema dell’assicurazione). Non sembrava neanche molto realistico. Le mod alla fine hanno risolto il problema dello spawn, ma a partire dalla patch di Heroes of the Inner Sphere non sono più un’installazione obbligatoria.

Modifiche minori degne di nota sono i miglioramenti generali all’intelligenza artificiale sia amica che nemica, un miglioramento generale delle prestazioni, un filmato introduttivo molto migliore, un feed di notizie facile da analizzare e facile da analizzare, musica migliorata, vari nuovi effetti meteorologici che influiscono sul gameplay e piccole modifiche alle impostazioni di controllo. Anche senza possedere Heroes of the Inner Sphere, chiunque raccolga MechWarrior 5: Mercenaries oggi sta acquisendo un gioco sostanzialmente migliore di quello lanciato nel 2019.

Visto che MechWarrior 5: Mercenaries ha fatto il salto su console ed è su Xbox Game Pass, sono abbastanza sicuro che il numero di piloti per la prima volta sia piuttosto alto. Il DLC Heroes of the Inner Sphere non è incluso nel Game Pass (che è piuttosto standard per il DLC sul servizio), ma la patch di qualità della vita che è stata pubblicata insieme all’espansione assicura che i novellini abbiano un iniziale migliore esperienza rispetto a quelli di noi che sono entrati in MechWarrior 5 il giorno 1. Oh, e il gioco è su Steam ora, quindi quei fan di PC là fuori contrari all’acquisto di giochi su Epic Games Store possono finalmente prendere parte alla dilagante distruzione del robot.

Per quanto riguarda la console, MechWarrior 5: Mercenaries gira bene su Xbox Series X, ma le prestazioni non sono del tutto perfette. Anche se la patch di Heroes of the Inner Sphere ha migliorato il frame rate e la stabilità complessivi su PC, l’impostazione del ray tracing comporta ancora una penalizzazione delle prestazioni troppo pesante per meritare l’abilitazione. Su Xbox Series X, tuttavia, sembra che il ray tracing sia attivo e, sebbene la porta funzioni principalmente a 60 fotogrammi al secondo, i cali non sono rari quando si trovano vicino a esplosioni e il Mech Bay in prima persona fa fatica a mantenere un frame coerente. Vota.

Ma quest’ultimo pezzo viene facilmente ignorato al di fuori degli stupidi obiettivi di MechWarrior 5: Mercenaries “parla con Fahad/Ryana”. Il gioco funziona bene anche su un controller, anche se i piloti esperti vorranno disabilitare il decadimento dell’acceleratore abilitato per impostazione predefinita e vorranno modificare la mira assistita per adattarla al meglio ai loro tipi di armi preferiti. Detto questo, la porta Xbox è piuttosto solida sulla Serie X, anche se ho letto che le versioni della Serie S e One non sono del tutto ottimali. Non posso parlare personalmente con i loro stati, ma se in qualche modo hai una serie XI, ti consiglio la porta.

Heroes of the Inner Sphere è il modo migliore per giocare a MechWarrior 5: Mercenaries.

Ora, passiamo alla vera star di questa recensione: il primo DLC di MechWarrior 5: Mercenaries stesso, Heroes of the Inner Sphere. In breve, è fantastico. La nuova aggiunta del marchio è la modalità Carriera, che è molto, molto meglio della campagna. Voglio dire, la campagna non è poi così male dal punto di vista del gameplay, ed è il punto di partenza migliore per i novellini. Ma la natura sandbox aperta della modalità Carriera è semplicemente superiore, e questo prima di considerare le nuove missioni Cantina e gli aggiornamenti dei mech.

Nella modalità Carriera i piloti possono scegliere una delle sei case per iniziare, ognuna con la propria lancia iniziale e il proprio settore iniziale della Sfera interna. Da lì sono liberi di intraprendere le missioni come meglio credono. I piloti devono ancora migliorare il grado della loro compagnia mercenaria, reclutare e livellare i piloti e acquistare mech ed equipaggiamento migliori, ma ora sono liberi di farlo al proprio ritmo.

La natura sandbox aperta della modalità Carriera è semplicemente superiore, e questo prima di considerare le nuove missioni Cantina e gli aggiornamenti dei mech.

Oltre all’approccio più sandbox, Heroes of the Inner Sphere aggiunge 7 nuovi Hero mech, 7 nuovi chassis BattleMech, 50 nuove varianti di mech, una manciata di nuove armi ed equipaggiamento (come il radar BAP a 360 gradi e i laser chimici). C’è anche un nuovo bioma lunare “extra solare” e un tipo di missione chiamato “Beachhead”. Entrambi sono incredibili di per sé, con il bioma della luna solare che possiede uno dei miei skybox preferiti nella memoria recente. Beachhead è una missione multi-obiettivo che metterà alla prova le tue abilità di pilota di mech ed è forse una delle esperienze più soddisfacenti di MechWarrior 5.

In cima a tutto ciò ci sono le nuove missioni secondarie della Cantina che alimentano i lavori di carriera aggiunti. Ci sono cinque lavori in totale, ciascuno con dieci aggiornamenti che possono essere sbloccati completando quelle fantasiose missioni secondarie di Cantina. Questi obiettivi aggiuntivi aiutano a ravvivare il ciclo di gioco in MechWarrior 5, anche se non sono le attività più creative in circolazione. Sapere che dovevo acquisire e consegnare un mech Commando, ad esempio, significava che ho effettivamente usato le informazioni sulla missione per scovare dove trovarne uno, e mi sono assicurato di essere adeguatamente attrezzato per dare una gamba a quel bastardo per aumentare le mie probabilità di salvarne uno.

Loading...

Gli stessi miglioramenti del lavoro di carriera sembrano inizialmente piccoli, ma i loro bonus sono aggiuntivi. Quindi, anche se uno o due aggiornamenti potrebbero non sembrare così efficaci all’inizio, installarne un intero set su un mech può trasformare un telaio mediocre in una centrale elettrica assurdamente mortale. Tuttavia, questi aggiornamenti non sono economici da installare, ma offrono ai piloti un modo in più per specializzarsi e migliorare i loro mech preferiti al di fuori del Mech Lab standard. Entrambi i sistemi forniscono ai piloti impegnati obiettivi a lungo termine da perseguire, il che a sua volta conferisce all’approccio sandbox più aperto in modalità Carriera un focus apprezzato.

Il verdetto

Tutte le nuove aggiunte e più discutibili modalità Carriera sandbox rendono Heroes of the Inner Sphere il modo migliore per giocare a MechWarrior 5: Mercenaries. La nuova modalità consente ai piloti di forgiare il proprio percorso all’interno dell’assediata Sfera Interna, mentre le missioni Cantina e gli aggiornamenti di lavoro forniscono allettanti obiettivi a lungo termine. Tutte le altre modifiche, modifiche e aggiustamenti apportati sia alla patch sulla qualità della vita che al DLC stesso sono semplicemente bonus interessanti.

Ho ancora qualche piccola lamentela. L’interfaccia utente rimane piatta e vorrei un’opzione di gioco per centrare il mio radar (e la possibilità di disabilitare l’elemento D-Pad su Xbox). Mi piacerebbe ancora vedere un modo per portare qualche progresso dal gioco cooperativo (sebbene l’aggiunta del gioco incrociato sia una vittoria oggettiva). Diavolo, anche una vera coda Quickplay sarebbe fantastica. Tuttavia, queste sono tutte piccole lamentele ora, grazie a Heroes of the Inner Sphere che ha affrontato la maggior parte delle mie maggiori lamentele dal lancio di MechWarrior 5. Sia su PC che su Xbox, Heroes of the Inner Sphere vale ogni C-Bill.

Questo gioco è stato recensito utilizzando una copia del gioco fornita dall’editore del gioco, dalla società di pubbliche relazioni, dallo sviluppatore o altro con l’esplicito scopo di una recensione.

– Questo articolo è stato aggiornato il:8 giugno 2021

OFFERTE DI GIOCO Ottieni subito Twitch Prime gratuitamente e ottieni oggetti di gioco, ricompense e giochi gratuiti

Loading...