Spiegazione del finale di “Marmalade” e riepilogo del film: Marmalade se ne va?

Dopo averlo visto per anni interpretare il personaggio preferito dai fan Steve Harrington nel fenomeno della cultura pop che va sotto il nome di Stranger Things, probabilmente non avresti immaginato che avresti visto Joe Keery come un sempliciotto con un forte accento del sud. Ma il film d’esordio di Keir O’Donnell, intitolato Marmalade, dimostra chiaramente che Keery vuole uscire da quell’immagine. Anche il suo recentissimo ruolo nella quinta stagione di Fargo lo può testimoniare. E se la sua performance in Marmalade è qualcosa su cui basarsi, allora si può dire che Keery è decisamente sulla strada giusta.

In genere sono orgoglioso di capire in anticipo la svolta in molti film, ma Marmalade è riuscita a battermi in quel gioco. Né io né l’agente dell’FBI Otis ce lo aspettavamo, ed è qui che vince il film. Inizialmente apparentemente un thriller sulla rapina sulla falsariga di Bonnie e Clyde, Marmalade alla fine mette a segno un atto finale sorprendentemente folle. Con la sua scelta audace di utilizzare i colori rosa shocking e arancione e il tono autoironico, Marmalade prende praticamente in giro i film tipici del genere thriller romantico. È comprensibile che tu sia un po’ confuso dopo aver visto il finale. Lo scopo principale per cui scrivo questo è aiutarti con il puzzle, e spero di riuscirci.

Spoiler in vista

Sinossi della trama: cosa succede nel film?

Baron sembra qualcuno che non farebbe male a una mosca, motivo per cui è sorprendente vederlo rinchiuso in una prigione di massima sicurezza. Dietro c’è ovviamente una storia interessante, che apprendiamo dal racconto di Baron al suo compagno di cella Otis, un afroamericano con trascorsi di crimini violenti. Perché Baron è così determinato a raccontare la sua storia a Otis? Poiché ha bisogno di pianificare un’evasione dalla prigione e, dalla loro limitata interazione, è venuto a sapere che Otis è un esperto in questo. Otis ovviamente non lo farà gratis, quindi Baron gli offre venticinquemila dollari, praticamente tutti i soldi che la sua ragazza Marmalade nasconde in un luogo segreto. Baron afferma che tutto ciò che gli interessa è uscire e ricongiungersi con l’amore della sua vita, e che i soldi non gli importano assolutamente.

Perché il barone è andato in prigione?

La storia risale all’inizio più umile possibile, dove vediamo Baron nei panni di questo incredibilmente innocente impiegato del servizio postale dai capelli lunghi che perde il lavoro solo perché il suo capo meschino odia i suoi capelli lunghi, che non vorrebbe lasciar andare. Ciò mette Baron in seri problemi, poiché ora non ha altri mezzi per pagare le costose medicine di sua madre malata. In una situazione di vita così confusa, questa ragazza da sogno dai capelli rosa e folletto maniacale entra improvvisamente nella vita di Baron, quasi apparendo dal nulla. Baron è colpito da Marmalade e l’attrazione si rivela reciproca, perché chi non si innamorerebbe di un tesoro come lui? Non si sa molto di Marmalade, a parte il fatto che è cresciuta per lo più in famiglie affidatarie, dove molto probabilmente ha subito abusi da parte di uomini terribili che fingevano di essere papà.

La storia d’amore tra Marmalade e Baron è calda e pesante, ma nessuno dei due possiede una fortuna, e non puoi sopravvivere a questo mondo senza i soldi, soprattutto quando c’è una questione urgente come le medicine della madre di Baron in gioco. Quindi Marmalade trova l’unica soluzione possibile, ovvero rapinare casualmente una banca, cosa che risolverebbe tutti i loro problemi della vita. Baron ovviamente non è molto entusiasta dell’idea, ma alla fine si arrende perché non c’è davvero altro modo. Elaborano un piano “infallibile” che prevede i necessari appostamenti, l’acquisto di una maschera a tre teste dall’aspetto minaccioso, la ricerca di un rifugio e, soprattutto, la ricerca di una banca che sia abbastanza facile da derubare. Ma poco prima che l’importantissimo lavoro avvenga effettivamente, Eda muore improvvisamente. Con la sua morte, Baron non vede più alcun motivo di rapinare la banca. Ma Marmalade lo convince che hanno ancora bisogno di soldi per vivere felici e contenti in questo mondo capitalista. Quindi gli amanti vanno avanti con la rapina e, come puoi aspettarti, doveva andare a sud; altrimenti come farebbe Baron a finire in prigione? Ma riuscirono a prendere i soldi e a promettersi di incontrarsi nella capanna se fossero riusciti a sopravvivere. Ed è per questo che, per Barone, l’evasione dal carcere diventa una necessità assoluta.

Chi è veramente Otis e cosa vuole?

Il primo vero colpo di scena di Marmalade arriva nel secondo atto, quando viene rivelato che Otis è un agente dell’FBI travestito da prigioniero, solo per ottenere informazioni da Baron. In realtà sta cercando Marmalade, un rapinatore di banche seriale. Il fatto che Baron venga catturato gli ha solo dato l’opportunità di tendere una trappola in cui avrebbe aiutato Baron a uscire, e quando vedrà Marmalade, Otis sarà lì per coglierla in flagrante. Il suo approccio non convenzionale viene criticato da un collega poliziotto, ma la cosa chiaramente non sembra disturbarlo. Diventa abbastanza chiaro che, nonostante la sua missione, in realtà gli piace Baron e prova qualcosa per lui. In effetti, Otis prova anche a chiedere a Baron se ha considerato la possibilità che Marmalade lo stesse prendendo in giro. Tuttavia, Baron non ha voluto sentire una parola contro Marmalade, e per Otis va bene. Quindi il piano va liscio, dato che Otis non ha problemi a far uscire Baron, a parte una guardia carceraria che alla fine lo molesta, senza sapere chi sia veramente.

La marmellata scappa?

So che stai aspettando questo segmento da più tempo. Perché è qui che tutto va a puttane. Il piano di Otis di usare Baron come esca per ottenere Marmalade aveva molto senso, e ha iniziato a seguire Baron, subito dopo che l’ex postino era uscito. Ma invece di andare prima a Marmalade, Baron visita la tomba di sua madre e lascia qualcosa. Dato che Baron aveva già detto a Otis quanto fosse speciale sua madre per lui e i due avevano anche discusso del rapporto teso di Otis con sua madre, Otis non era sorpreso. La prossima fermata di Baron è la gelateria, anche questa non sorprende Otis, poiché sapeva quanto fosse speciale quel posto per Baron poiché era solito visitarlo spesso con Marmalade.

Una volta che Baron fosse uscito dalla gelateria, Otis era certo che avrebbe sicuramente fatto visita a Marmalade nella cabina. E poi arriva il primo shock per lui, così come per noi. Otis si rende conto che la persona che guida l’auto non è Baron ma un impiegato di una gelateria a caso. Baron ha chiaramente cambiato posto con questo ragazzo. Otis ottiene un’ulteriore conferma quando torna di corsa alla tomba di Eda e lì trova un barattolo di marmellata, che Barone ha lasciato, sicuramente per stuzzicare Otis.

A quanto pare, dopo tutto è sempre stato Baron! Ora abbiamo un altro flashback, in cui vediamo Baron guardare i ritagli di giornale riguardanti le rapine in banca e la persona che sta indagando su di esse: l’agente dell’FBI Otis. Marmalade ci ha fatto credere che Otis stesse usando Baron, ma alla fine abbiamo capito che era il contrario. Ma allora che dire della storia che ha raccontato a Otis? Beh, non è altro che qualcosa che ha accuratamente inventato per indurre Otis a credergli. Il ragazzo è tutt’altro che innocente, e anche il suo amore speciale per i lunghi capelli che una volta lo fecero licenziare era falso, dato che ora lo vediamo tagliarli. Successivamente Baron si traveste da donna di mezza età e scappa proprio sotto il naso di ignari poliziotti.

Ma non è esattamente un uomo cattivo, di per sé. Marmalade chiarisce che la ragione di tutto ciò era effettivamente procurarsi la medicina per Eda, che chiaramente non è ancora morta. E non finisce qui. Grazie alle telefonate fatte dal carcere, Otis trova un indirizzo e, durante la visita, si rende conto che è l’azienda farmaceutica che produce il farmaco di cui Eda aveva bisogno. L’azienda chiamata Baron Pharmaceutical non fa altro che rendere il tutto ancora più diabolico. Quando Otis e i suoi compagni raggiungono il luogo, scoprono che l’uomo che gestisce l’azienda li sta già aspettando. Barone derubava i suoi soldi, fingendo dopo tutto di essere la femme fatale dai capelli rosa. Nemmeno quell’uomo è un santo; in effetti, è noto per aver torturato i suoi figli adottivi minorenni. Non ci vuole molto sforzo per Otis per capire che Baron era uno dei ragazzi adottivi, ed era uno di quelli che hanno subito abusi da bambino. Considerando tutto ciò, non puoi fare a meno di tifare per il fuggitivo.

Durante il finale di Marmalade, il personaggio titolare riesce a scappare, perché in primo luogo non esiste nemmeno. Il film chiarisce anche il titolo rivelando che il nome della madre di Baron sembra essere EDA LAMRAM. Prova a scriverlo al contrario ed ecco fatto! Anche il nome di Baron non è Baron, e il protagonista senza nome fa un’ultima cosa salutare per conquistare i nostri cuori: lascia un biglietto dell’autobus per Otis, che lo porterà da sua madre, e si spera dia l’opportunità di sistemare le cose. Perché, dopo tutto, l’importante è amare tua madre!