Riepilogo e fine dell’episodio 6 di “Label” spiegato: chi è Thiyagarajan?

Il sesto episodio di Label funzionava secondo il principio di dare un po’ di respiro al suo protagonista dopo averlo messo in un mare di guai. Prabhakaran è stato arrestato nell’episodio precedente e sembrava che i suoi giorni da avvocato fossero finiti. Ma attraverso un interessante lavoro legale, ha trovato il modo di riprendersi e mettere sotto pressione Arul Kumaran. Prabhakaran non era ancora a conoscenza del legame di suo padre con l’etichetta e, nel tentativo di far annullare il suo caso, aiutò inavvertitamente Veera e Kumar a uscire di prigione. Senguttuvan ha ricevuto un’introduzione elettrizzante e l’episodio ci ha mostrato come bruciasse dal desiderio di vendicare Pathaalam. Il cliffhanger ci ha lasciato in modo allettante desiderare di sapere chi sia Ayya, chi era la figura fantasma che reggeva tutti i fili della sua etichetta. Ecco un riepilogo dettagliato dell’episodio 6 di Label.

Spoiler in vista

Perché Arul Kumaran era nei guai?

Prabhakaran era certo che Arul stesse usando un caso falso per metterlo in prigione, ma quello che non sapeva era per conto di chi Arul operava. Non aveva alcun problema personale con lui, quindi deve esserci stata qualche altra parte che voleva finire Prabhakaran. Prabhakaran era stato attaccato dagli scagnozzi di Seguttuvan e sospettava che Arul fosse forse il prossimo a occupare il vuoto lasciato dalla morte di Pathaalam. Dopotutto, in un certo senso, Arul era il poliziotto di Senguttuvan. Ma c’era un segreto che nascondeva. Era stato contattato dallo stesso Ayya, che gli aveva fornito i dettagli del caso minorile di Prabhakaran e gli aveva chiesto di sporgere denuncia. Prabhakaran sapeva come affrontare il caso falso. Era a conoscenza dei dettagli della legge, in virtù della quale ha presentato il caso direttamente al magistrato giudiziario attraverso una procedura nota come Istagasa. Ciò significava che tutti i casi indagati da quell’ufficiale sarebbero stati aperti all’esame del giudice, e si è scoperto che c’erano molti difetti nelle indagini di Arul. Tutto ciò che Prabhakaran ha fatto è stato mandare più persone da diverse aree ad arrendersi in merito all’omicidio di Pathaalam. Quando ad Arul è stato chiesto come avesse portato avanti il ​​caso contro Veera e Kumar, dato che ora erano in prigione, Arul ha potuto solo rispondere che aveva ottenuto una pista. Il problema era che i protagonisti erano stati uccisi dagli uomini di Senguttuvan, quindi praticamente non aveva alcun sostegno per la confessione di Veera e Kumar. Arul fu rimproverato e tutti i difetti nelle sue indagini sui casi precedenti erano ormai sul punto di venire fuori, motivo per cui andò a Prabhakaran per chiedere pietà.

Cosa hanno dovuto affrontare Veera e Kumar dopo essere usciti di prigione?

Veera e Kumar vivevano la vita da celebrità in prigione. Quando Prabhakaran è uscito, anche Veera e Kumar hanno dovuto essere rilasciati di prigione, poiché anche il loro caso era visto come un caso falso presentato da Arul. Senguttuvan era furioso, sapendo questo fatto, e fece un discorso irritante su ciò che doveva essere fatto dopo. Veera e Kumar, tuttavia, stavano affrontando un tumulto emotivo più grande della semplice paura di Senguttuvan. La loro famiglia li aveva completamente abbandonati. La madre di Kumar aveva lasciato la casa ed era tornata al suo villaggio, mentre la madre di Veera aveva fatto voto di non parlargli mai più. Quando Veera è arrivata, non ha riconosciuto la sua presenza, rendendo chiaro che aveva reciso tutti i legami con lui. Da un lato, Veera e Kumar erano le gemme rare di Bunk Suresh, che avevano sconfitto Pathaalam, e dall’altro erano essenzialmente morti per le loro famiglie. Erano ancora una volta vulnerabili, poiché Senguttuvan stava arrivando per la sua vendetta.

Cosa ha deciso Senguttuvan?

Quando Arul venne a cercare le benedizioni di Senguttuvan per prendere il posto di Pathaalam, Senguttuvan lo rimproverò anche solo per aver pensato a un’idea così ripugnante. Pathaalam era un gigante per l’etichetta, e non era solo uno spazio vuoto che ora sarebbe stato riempito. Senguttuvan sapeva che Veera e Kumar erano fuori, e quando Arul suggerì di inseguirli, fu divertito dalla mancanza di immaginazione di tutti. Quale messaggio manderebbe ora l’omicidio di Veera e Kumar? Erano già diventati famosi. Per riconquistare la supremazia, sapeva di dover attaccare a un livello più alto. Anche Bunk Suresh era uscito, e ora era intenzione di Senguttuvan farlo uccidere per inviare onde d’urto attraverso l’etichetta Ayya. Bunk Suresh era il braccio destro di Ayya, ed è stato lui a aver curato Veera e Kumar in prigione e aver messo a segno un colpo su Pathaalam. L’uomo che avrebbe portato la testa di Bunk Suresh avrebbe preso il posto di Pathaalam, dichiarò Senguttuvan, dando a tutti i membri della banda mano libera per prendere tutte le misure possibili per cogliere l’opportunità. Presto sarebbe stato un massacro e Prabhakaran capì l’intera trama quando capì chi era Ayya.

Chi è Thiyagarajan?

La domanda che attraversava la mente di Prabhakaran era: perché Ayya avrebbe dovuto giocare un gioco così lungo e farlo arrestare? L’assistente di Prabhakaran ha dissotterrato i vecchi file e ha trovato alcune informazioni su Ayya, risalenti a quando era conosciuto come Thiyagarajan. Thiyagarajan era un avvocato e ha commesso un solo crimine, quello di aver ucciso un ministro di alto profilo. Poi scomparve per 16 anni e riemerse, uccidendo il cognato di un ministro. La polizia ha accertato che l’assassino si chiamava Ayya, ed era lo stesso difensore di Thiyagarajan, che ora era in fuga. Questa volta la polizia aveva la sua impronta digitale ma non è riuscita ad abbinarla a nessun criminale nel loro database. A causa dell’enorme pressione derivante dalla cattura del temuto gangster, la polizia ha cercato di incastrarlo in altri casi, cercando di farlo uscire allo scoperto. Si è rivelato come Prabhakaran in questa faccenda. Aveva ordinato a Paramasivan di occuparsi dei suoi casi, con la speranza che anche i suoi omicidi originali venissero spazzati via con il pretesto di casi falsi. Ma Paramasivan voleva che Prabhakaran combattesse il caso di Ayya, motivo per cui era così entusiasta di farlo aderire all’etichetta Ayya. Siamo quasi riusciti a vedere chi era Ayya e dove si nascondeva quando Paramasivan è andato a incontrare una losca figura. Il prossimo episodio potrebbe rivelare la vera identità di Ayya e mostrarci anche cosa ha in serbo il destino per Veera, Kuamr e Bunk Suresh.