La cospirazione del polipo, spiegata: cosa ha scoperto Daniel Casolaro?

L’idea alla base di questo documentario originale Netflix era quella di riportare alla luce vecchie storie e far comprendere all’attuale millennial il tipo di incidenti accaduti in America decenni fa. Si tratta di Netflix che fa un’incursione nel genere dei documentari politici e riporta in vita un caso su cui si era ipotizzato quando scoppiò decenni fa. Correva l’anno 1991, quando il giornalista freelance Daniel Casolaro venne trovato morto nella vasca da bagno di un albergo. Sebbene la polizia lo avesse definito un suicidio, la famiglia, gli amici e i conoscenti del defunto erano sicuri che non si sarebbe mai tolto la vita.

La morte prematura di Daniel aprì il vaso di Pandora trent’anni fa e c’erano molte speculazioni sulla storia a cui stava lavorando. Si è scoperto che l’uomo stava lavorando a qualcosa di enorme che in quel momento avrebbe potuto potenzialmente far cadere il governo americano. Non c’è mai stata alcuna conferma né da parte dei media né da parte del governo su quanto accaduto, ma molti hanno iniziato a speculare sull’esistenza di “The Octopus Conspiracy”, una truffa così enorme che avrebbe fatto vergognare l’America se smascherata da qualcuno.

Trent’anni dopo, il fotoreporter del New York Times Christian Hansen era ossessionato dal lavoro lasciato da Daniel Casolaro. Voleva dissotterrare i corpi e discutere su cosa riguardasse esattamente la cospirazione e quali fossero le accuse sollevate dalla storia di Daniel. Daniel era entrato in possesso di molti documenti e trascrizioni dei suoi amici e della sua famiglia ed era interessato a saperne di più sulla causa Inslaw Inc..

La causa Inslaw Inc. ha portato Daniel più indietro nella storia delle agenzie di intelligence americane e nel modo in cui operavano. Bill Hamilton, che ha fondato Inslaw Inc. e creato il software all’avanguardia “PROMIS” per il Dipartimento di Giustizia, è stato portato in bancarotta dallo stesso ente governativo. Dalle ulteriori indagini di Daniel risultarono accuse secondo cui l’ente governativo avrebbe tentato di rivendere l’azienda e il software a un certo Earl Brian. Dieci anni fa, Jimmy Carter e Ronald Reagan stavano conducendo la campagna per le elezioni presidenziali e la situazione degli ostaggi in Iran era al culmine. Ci sono state accuse secondo cui la campagna di Ronald Reagan aveva finanziato il governo iraniano per mantenere gli ostaggi nel paese e far deragliare i negoziati di Jimmy Carter con il paese ostile.

Earl Brian fu il promotore di questo accordo e Ronald Reagan, dopo aver vinto le elezioni, gli offrì il software “PROMIS”, sviluppato da Bill Hamilton. Il software era unico nel suo genere e c’erano accuse secondo cui il governo ne voleva il pieno possesso a proprio vantaggio. Si credeva che la ricerca di Daniel su “The Octopus Conspiracy” lo avesse portato ai collegamenti con Iran Hostage e Ronald Reagan. Ha inoltre cercato di scavare in profondità per scoprire cosa il governo nascondeva ulteriormente alla vista.

L’altra accusa emersa durante la ricerca di Daniel riguardava l’uso del software di Bill Hamilton, “PROMIS”. Si speculava su Earl Brian, che aveva legami con la criminalità organizzata e si avvaleva dell’assistenza di Michael Riconosciuto per modificare il software. Si presumeva che il software fosse stato alterato e condiviso tra le agenzie di intelligence di molti paesi dall’America. L’intelligence americana prevedeva di utilizzare questo software per spiare quei paesi, tra cui molti dei loro alleati. Una copia del software è stata inviata anche in Canada, ma attraverso canali illegali, come affermato nel documentario da diversi esperti. Questi dettagli menzionati sopra facevano parte di “The Octopus Conspiracy” e il desiderio di Daniel di smascherare il governo e le sue pratiche non etiche lo ha spinto a scendere nella tana del coniglio, alla ricerca di informazioni che potessero aiutarlo a coinvolgerli ulteriormente.

La ricerca di Daniel lo ha portato in una riserva indiana a Indio, in California, gestita dai Cabazons, il sindacato mafioso. Il più grande sostenitore dei Cabazon e dello sviluppo della terra dei nativi americani fu John Philip Nichols. Citando lo sviluppo sociale, John Philip Nichols fondò una fabbrica di sigarette e un casinò, che prometteva molteplici posti di lavoro. Fred Alvarez era un altro influente locale che si oppose all’espansione di John Philip Nichols nella riserva indiana. Gli è stato chiesto di raccogliere prove che dimostrassero che John Philips Nichols stava svolgendo lavori illegali sulla terra. Fred Alvarez si affrettò ad acquisire la stessa cosa, ma lui e i suoi amici furono uccisi e la mancanza di indagini da parte della polizia indicò l’influenza dei Cabazon e di John Philip Nichols. L’accordo con Cabazon prevedeva anche l’utilizzo del territorio della riserva indiana per la sperimentazione di diversi tipi di armi da fuoco e armi.

Daniel ha potuto accedere a tutti questi dettagli tramite Michael Riconosciuto, ed era molto vicino a ottenere più dati sul governo e sui suoi dubbi. La presenza della mafia di Cabazon indicava che le agenzie di intelligence e il Dipartimento di Giustizia erano coinvolti con la mafia dei narcotici nello svolgimento di molte operazioni, e potrebbero anche finanziare la campagna per mantenere a galla il loro potere. Si presumeva che anche lo scandalo Iran Contra facesse parte della “Cospirazione del polpo”, e si è rivelato vero. Il collegamento tra America e Iran è stato scoperto e questo potrebbe essere il motivo per cui i servizi segreti hanno voluto tenere tutto nascosto e sono riusciti a eliminare Daniel.

Il coinvolgimento di Robert Booth Nichols creò ulteriori speculazioni in “The Octopus Conspiracy”. Robert non era solo un mediatore tra l’intelligence e le agenzie governative; è stato determinante nel tenere d’occhio Daniel, che era alla disperata ricerca di ulteriori prove contro il Dipartimento di Giustizia e le agenzie di intelligence. Michael Riconosciuto è andato vicino a rivelare il suo ruolo nell’aver manomesso il software “PROMIS”, ma è stato mandato in prigione prima di poter rendere pubblica la sua dichiarazione giurata redatta a sostegno di Bill Hamilton. Bill Hamilton a volte ha affermato il coinvolgimento della mafia con l’intelligence e il Dipartimento di Giustizia nel trascinare la sua azienda alla bancarotta. Bill Hamilton, tuttavia, non ha mai avuto alcuna prova per dimostrare le sue accuse, mentre Daniel era arrivato molto vicino a smascherare questi dubbi.

Si presume che Robert Booth Nichols possa aver attirato Daniel nel West Virginia nella speranza di acquisire ulteriori prove. Purtroppo, Daniel è stato trovato morto in pochi giorni. “The Octopus Conspiracy” rimane un argomento che non ha mai avuto alcuna conclusione. Michael Riconosciuto era disposto a parlare con Christan Hansen, ma solo in via ufficiosa. Questa cospirazione rimarrà ambigua a meno che il governo americano non pianifichi di declassificare quei documenti dopo diversi decenni, quando nessuno dovrà affrontare ripercussioni per le loro azioni, in particolare quelle coinvolte nella morte di Daniel Casolaro e Fred Alvarez.