Bungie intraprende azioni legali contro gli utenti dietro gli scioperi DMCA di Fake Destiny

Bungie vuole fare un esempio da un gruppo di utenti anonimi che hanno impersonato lo sviluppatore con sede a Bellevue per emettere takedown contro diversi creatori di contenuti di Destiny su YouTube nelle ultime due settimane.

Secondo un rapporto di TorrentFreak all’inizio di oggi, Bungie ha intentato una causa contro quasi una dozzina di colpevoli per aver interrotto la sua community online di giocatori e streamer di Destiny e aver causato “danni quasi incalcolabili” nel processo.

“Questo [attack] ha causato a Bungie un notevole danno reputazionale ed economico, per ovvi motivi”, ha osservato Bungie. “La community di Destiny era disorientata e sconvolta, credendo che Bungie avesse rinnegato la promessa di consentire ai giocatori di costruire le proprie comunità di streaming e canali YouTube su Destiny 2 contenuto.”

La causa sottolinea anche che i colpevoli “hanno potuto farlo [send fraudulent notices] a causa di un buco nella sicurezza del processo DMCA di YouTube, che consente a qualsiasi persona di affermare di rappresentare qualsiasi titolare di diritti nel mondo ai fini dell’emissione di una rimozione DMCA”.

Bungie attualmente non conosce le identità degli utenti dietro l’attacco, ma ha avviato un’indagine per rintracciarli. Lo sviluppatore intende chiedere “danni e provvedimenti ingiuntivi, compresi i maggiori danni legali di $ 150.000 per ogni avviso di rimozione fraudolenta”.

Diversi creatori di contenuti di Destiny di alto profilo come MyNameIsByf e Aztecross hanno segnalato i loro video relativi a Destiny su YouTube per violazione dei diritti d’autore. Considerando che il contenuto era lo stesso di sempre, non c’era motivo per cui avrebbero violato i diritti d’autore.

Bungie confermato a suo tempo che nessuno dei suoi partner, incluso se stesso, era dietro la sorprendente serie di rimozioni DMCA. È stato rivelato dopo una rapida indagine che lo sviluppatore era stato incastrato da un gruppo di utenti là fuori.

Altrove, Bungie continua a lavorare al suo gioco d’azione in terza persona non annunciato che si ipotizza sia uno sparatutto online incentrato sui personaggi con elementi multiplayer competitivi.

Il post Bungie intraprende azioni legali contro gli utenti dietro Fake Destiny DMCA Strikes è apparso per la prima volta su Giochi.