direttore di Call of Duty: La seconda guerra mondiale si apre sul franchising

L’ex direttore di Sledgehammer Games ha aperto la sua anima riguardo al Call of Duty serie, sostenendo che il lavoro degli sviluppatori di questi giochi non è apprezzato abbastanza tra i giocatori.

Glen Schofield è un veterano dell’industria dei videogiochi che ha lavorato alla serie Dead Space negli ultimi 10 anni prima di trasferirsi in Call of Duty e dirigendo due giochi di quella serie (Advanced Warfare e WWII). Anche se non lavora più Call of Duty, in un’intervista con la rivista Edge si è lamentato del fatto che il pubblico spesso sottovaluta l’importanza del lavoro dello sviluppatore sul Call of Duty serie, che in realtà è un lavoro molto impegnativo.

“La gente oggi pensa che Call of Duty viene fatto mettendolo in una rettificatrice e poi esce un nuovo gioco. Non si rendono conto di quanto sia un lavoro fare un Call of Duty gioco. Ciò comporta un sacco di ricerche. Ho studiato la seconda guerra mondiale per tre anni. Ho lavorato con storici. Ho trascorso otto giorni nel furgone visitando i luoghi che saranno nel gioco. Ho sparato da una varietà di armi per avere un’idea di come si comportano. Devi fare tutte queste cose quando fai un Call of Duty gioco. ” ha detto Glen Schofield.

“Quel lavoro richiede molto apprendimento, lettura costante, visione costante di documentari e collaborazione costante con esperti”. Schofield ha aggiunto. Nell’intervista, ha anche rivelato che tra gli studi che lavorano sul Call of Duty serie, c’è un’atmosfera di competizione interna su chi fornirà un gioco migliore e di maggior successo.

Loading...

“Non c’è dubbio che abbiamo gareggiato. È strano perché vuoi ogni cosa Call of Duty gioco per andare bene. Ma allo stesso tempo vuoi che il tuo prenda un voto più alto di quello di qualcun altro. Vuoi che il tuo gioco si venda meglio. Abbiamo gareggiato, ma ci siamo anche aiutati a vicenda”. – Rivela Schofield.

Loading...